home le preghiere i messaggi meditazioni le attivitą la nostra storia pubblicazioni contattaci
 
 

 

Note introduttive

Papa Paolo VI, in data 14 ottobre 1966, ha confermato il Decreto emanato dalla Sacra Congregazione per la Difesa della Fede, permettendo la pubblicazione di scritti relativi ad apparizioni soprannaturali, anche senza il nullaosta dell’Autorità Ecclesiastica.
La diffusione delle rivelazioni private non intende prevenire il giudizio della Santa Madre Chiesa, Sposa Gloriosa di Cristo. Pertanto, si propone agli uomini di buona volontà.

Riguardo alle rivelazioni private, il Concilio Vaticano II (Costituzione Dogmatica della Chiesa n. 12) dice: “…Questi doni di grazia, che siano eccezionale forza di luce, o semplici e destinati a tutti, o generici, devono essere accolti con riconoscenza e conforto, poiché essi vengono incontro ai bisogni della Chiesa e le sono particolarmente adatti…
Il giudizio sulla loro genuinità e il solo uso ordinato, spetta a coloro che hanno nella Chiesa il compito di guidare e a coloro, soprattutto, che hanno il dovere di non spegnere lo Spirito, ma di esaminare tutto e conservare ciò che è bene”.
(cf 1Ts 5,12,19-20).

Anche nella recente lettera Juvenescit Ecclesia, sulla Relazione tra i doni gerarchici e carismatici per la vita e la missione della Chiesa, emessa dalla Congregazione per la Dottrina della Fede, si afferma*:

“Attendendo l’effusione dello Spirito Santo, i primi discepoli erano assidui e concordi nella preghiera assieme a Maria, la madre di Gesù (cf. At 1,14). Ella è stata perfetta nell’accogliere e mettere a frutto le grazie singolari di cui è stata arricchita in misura sovrabbondante dalla SS. Trinità: prima fra tutte, la grazia di essere la Madre di Dio… Maria dunque testimonia in pienezza l’obbediente e fedele accoglienza di ogni dono dello Spirito.”
…Anche oggi noi “fissiamo lo sguardo su di Lei, perché ci aiuti ad annun-ciare a tutti il messaggio di salvezza, e perché i nuovi discepoli diventino operosi evangelizzatori. E col Suo efficace aiuto e con la sua potente inter-cessione, i carismi abbondantemente distribuiti dallo Spirito Santo tra i fedeli siano da questi docilmente accolti e messi a frutto per la vita e la missione della Chiesa e per il bene del mondo.

…Nel presente documento l’attenzione viene posta sul binomio evidenziato nel n. 4 della Costituzione dogmatica “Lumen gentium”, ove si parla di «doni gerarchici e carismatici», i rapporti tra i quali appaiono stretti e articolati. Essi hanno la stessa origine e lo stesso scopo. Sono doni di Dio, dello Spirito Santo, di Cristo, dati per contribuire, in modi diversi, all’edificazione della Chiesa.


*Gerhard Card. Muller - prefetto

Roma, 15 maggio 2016, Solennità di Pentecoste

 

 
messaggi per anno
MESSAGGI profetici di Gesù e Padre Pio sul tempo presente
2018
2017
2016
2015
2014
2013
2011
2010
2009
2008
2007
2006
2005
2004
2003
2002
2001
2000
1999
messaggi per argomento
Messaggi IMPORTANTI
LE PROVE DI VITA, d'insegnamento e aiuto
MESSAGGI da Padre Pio sui figli di luce
LA TERRASANTA di Gesù e Padre Pio
 
A.Vo.S.S. (ONLUS) Casella Postale n.5 - 20900 Monza (MB)  e-mail: info@avoss.it   segreteria@avoss.it